Umbria Pride, il dolce rumore della vita

228

Perugia non è più un film color seppia. Perugia è piena di colori, nastri, gonne di tulle, maglie a rete, slogan, cuori e bandiere della pace. Ottomila esseri umani ballano insieme per le sue strade. Il ritmo è scandito da Raffaella Carrà, Lady Gaga, Myss Keta e tanta altra musica. Le note guidano i piedi e la voce. Il caldo non riesce a scalfire la voglia di stare insieme, la voglia di lottare e divertirsi. Tutto, in nome dell’amore.

“Io vivere vorrei addormentato
entro il dolce rumore della vita”

“Ma ricordarsi la liberazione
improvvisa è più dolce: a me vicino
un marinaio giovane: l’azzurro
e il bianco della sua divisa, e fuori
un mare tutto fresco di colore.”

“Felice chi è diverso
essendo egli diverso.
Ma guai a chi è diverso
essendo egli comune”

“Al pari di un profilo conosciuto,
o meglio sconosciuto, senza pari
Fra gli altri animali, unica terra
La tua forma casuale quanto amai”

               

“L’amore in elemosina, solfeggio detto
Oh luce del meriggio senza un cenno.
Ritornerà più tardi, ricco d’ali
l’incendio dei ricordi personali”

       

“Forse la giovinezza è solo questo
perenne amare i sensi e non pentirsi”

 

Poesie di Sandro Penna
Testo e foto di Federica Magro