Home SERVIZI Casa Come trovare casa

Come trovare casa

Se stai pensando di andare a vivere da solo o devi trasferirti in una nuova città per studiare o lavorare, uno dei primi passi è la ricerca della casa.

Secondo la tua condizione (studente, lavoratore) e le tue esigenze puoi scegliere diverse possibili sistemazioni.

TROVARE UN APPARTAMENTO

Una prima possibilità è scegliere un appartamento autonomo. Puoi cercare un monolocale/bilocale in cui vivere da solo o scegliere un alloggio da condividere con amici o altre persone fuori sede. Quest’ultima soluzione è spesso la più economica (il costo di una stanza in una casa in coabitazione è minore rispetto al mantenimento di un alloggio da solo) e ti permette di fare nuove amicizie.

In ogni caso, se stai cercando un appartamento, valuta:

  • Il numero di stanze che ti servono. In genere, per un appartamento più grosso è richiesto un affitto più caro, anche se i prezzi variano molto in base alla zona in cui si trova
  • Il quartiere in cui vivere. I prezzi degli affitti variano da città a città, ma di solito sono più alti nelle zone vicine al centro e all’università. Se non hai un’auto, prima di decidere di risparmiare andando in periferia, controlla i mezzi pubblici che collegano la zona dove pensi di andare a vivere al posto in cui studi o lavori: compiere ogni giorno un lungo percorso può risultare stancante. Abitare in una zona mal collegata con il centro può essere un problema anche per uscire con gli amici la sera, quando pullman e tram sono meno frequenti
  • Se sei disposto a pagare un’agenzia immobiliare. Un agente si occuperà di cercare l’appartamento più adatto alle tue esigenze e ti aiuterà nella stesura del contratto. Dovrai pagare un compenso (provvigione), che solitamente è pari al 10-15% del contratto annuale, o a 2/3 mensilità di affitto. Informati in anticipo per evitare di impegnarti con chi ha richieste eccessive. Almeno in un primo momento, cerca in autonomia: può essere più faticoso e richiedere più tempo, ma ti permette di risparmiare.

Alcuni suggerimenti per la tua ricerca:

  • Chiedi ad amici, parenti e conoscenti (specialmente a coloro che già vivono nella zona che ti interessa) se conoscono qualcuno che affitta appartamenti. Il passaparola è un ottimo metodo per trovare soluzioni inaspettate
  • Fai un giro nella zona che ti interessa alla ricerca di eventuali annunci “affittasi” o “da affittare” collocati sui portoni degli stabili. Soffermati in particolare sugli annunci che non riportano nomi e loghi di agenzie (indicano che l’appartamento è gestito da un’agenzia, se decidi di affittarlo dovrai pagare la provvigione)
  • Visita i siti internet specializzatinel fare incontrare chi cerca casa con chi la offre, privatamente o attraverso agenzie. Di solito sono molto semplici da consultare: collegati alla pagina principale, seleziona la categoria di interesse (per esempio, “case in affitto”) e seleziona la regione e il comune in cui stai cercando la casa in affitto. Di solito è possibile filtrare la ricerca per quartieretipologia (attico, appartamento, stanza, etc.) e prezzo dell’affitto, impostando una cifra minima e una massima. Ti apparirà un elenco di annunci che rispondono ai criteri selezionati: per visualizzare i dettagli clicca sul titolo, mentre per rispondere all’offerta clicca su ‘Rispondi a questo annuncio’ (o etichette simili), per inviare un messaggio all’inserzionista, o chiama i recapiti telefonici indicati. Di seguito alcuni siti internet su cui puoi trovare annunci:
    • Affitto.it (contiene sia annunci di privati sia di agenzie, con possibilità di filtrare la ricerca)
    • Bakeca.it (contiene sia annunci di privati sia di agenzie, con possibilità di filtrare la ricerca)
    • Casa.it (contiene sia annunci di privati sia di agenzie, con possibilità di filtrare la ricerca)
    • Casaclick.it (contiene solo annunci di agenzie)
    • Case24.it (contiene soprattutto annunci di agenzie)
    • Cercacasa.it (contiene solo annunci di agenzie)
    • Ecasa.it (contiene solo annunci di agenzie)
    • Immobiliare.it (contiene soprattutto annunci di agenzie)
    • Kijiji.it (contiene sia annunci di privati sia di agenzie)
    • Mioaffitto.it (contiene sia annunci di privati sia di agenzie, con possibilità di filtrare la ricerca)
    • Nuroa.it (è un aggregatore di siti di appartamenti)
    • Secondamano.it (contiene soprattutto annunci di agenzie)
    • Subito.it (contiene sia annunci di privati sia di agenzie)
    • Vivastreet.it (contiene sia annunci di privati sia di agenzie)
    • Case.trovit.it (contiene soprattutto annunci di agenzie)
    • Cerca annunci sulle bacheche di biblioteche, aule studio, scuole, centri Informagiovani
    • Consulta quotidiani e riviste di settore, che pubblicano inserzioni sia di privati sia di agenzie.

Parti con anticipo nella tua ricerca, perché è probabile che tu debba guardare più appartamenti, prima di trovare quello che fa per te.

Una volta trovato l’alloggio che risponde alle tue esigenze, verifica con il proprietario il tipo di contratto d’affitto da stipulare.

Di solito è richiesta una caparra (o deposito cauzionale): una somma in denaro che il proprietario richiede quando si stipula un contratto per tutelarsi dagli eventuali danni causati dall’affittuario. La caparra non può mai superare le tre mensilità di affitto. Se non ci sono danni all’appartamento, il proprietario è obbligato a restituire la caparra alla scadenza del contratto.

Se sei studente universitario puoi rivolgerti a: UNIFACILE AFFITTO SICURO (servizio per Studenti Universitari garantito dall’Università degli Studi di Perugia e dall’Università per Stranieri di Perugia)

TROVARE UN RESIDENCE (COLLEGIO) UNIVERSITARIO

Le residenze universitarie (o collegi) sono strutture pensate per ospitare gli studenti fuorisede e si trovano, di solito, in posizioni comode per raggiungere le università e i servizi cittadini. La sistemazione è solitamente in stanze singole o doppie.  Sono offerti servizi come la disponibilità di locali cucina, sale studio e computer con accesso Internet, fotocopiatrici, emeroteche, palestre, la fornitura e il cambio periodico della biancheria, etc., a seconda della struttura. Nel corso dell’anno, sono organizzate iniziative culturali e sportive per gli studenti.

collegi legalmente riconosciuti dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) si distinguono dalle altre strutture residenziali universitarie per l’offerta di occasioni formative: alla funzione abitativa associano un progetto di formazione umana, accademica e professionale. Per saperne di più e trovare i collegi universitari legalmente riconosciuti in Italia consulta il sito del MIUR, alla sezione Collegi,alloggi e Residenze.

In alcuni casi, grazie a convenzioni con gli enti per il diritto allo studio delle università (in Umbria c’è l’Adisu -Ente regionale per il diritto allo studio universitario dell’Umbria), è possibile ottenere l’esonero dal pagamento della retta o altri tipi di borse di studio. Per saperne di più > Servizi Abitativi Adisu

INFO DA RICORDARE

  • Scegliere un appartamento privato permette di avere maggiore autonomia rispetto ai collegi universitari (che richiedono il rispetto delle regole imposte, come per esempio, in alcuni casi, il rientro entro un certo orario la sera), ma una conseguente maggiore responsabilità: dovrai occuparti della pulizia della casa, pagare le bollette, relazionarti con il proprietario, etc.
  • Per trovare coinquilini e agevolare l’incontro tra chi cerca soluzioni di coabitazione sono nate alcune realtà sul territorio, trovi l’elenco al paragrafo.
  • Nella ricerca della casa, diffida dagli annunci che propongono offerte molto più basse rispetto ai canoni medi della zona, potrebbero nascondere problemi o vere e proprie truffe
  • Se ti rivolgi a un’agenzia immobiliare, non firmare moduli in cui sei vincolato all’agenzia (i cosiddetti “incarichi”), perché non potrai rivolgerti contemporaneamente anche ad altri intermediari. Ti consigliamo di fornire solo i dati anagrafici ed eventuali preferenze relative alla zona di residenza
  • Evita le agenzie immobiliari che richiedono un pagamento anticipato per visionare le offerte: i contatti forniti possono rivelarsi fasulli
  • Durante la visita dell’abitazione, verifica sempre lo stato degli elettrodomestici, il funzionamento delle tapparelle, fai scorrere l’acqua dai rubinetti e controlla che il sistema elettrico sia a norma. Segnala subito al proprietario eventuali problemi, in modo che non possa dire che li hai causati tu. Per maggiore sicurezza documenta e registra i problemi con delle foto
  • Non pagare il canone prima di aver firmato il contratto. Nel caso della caparra, fatti rilasciare una ricevuta, inserendo chiaramente nella causale la ragione del versamento. La caparra mediamente è il 10% del canone annuo o corrisponde a due mensilità di affitto (non può superare, in ogni caso, le tre mensilità)
  • Se lavori a prendi la residenza nella casa che affitti puoi detrarre parte dell’affitto dalle tasse. Rivolgiti a un Caf o a un commercialista per maggiori informazioni.

RIASSUNTO

  • Se stai pensando di andare a vivere da solo o devi trasferirti in una nuova città per studiare o lavorare, uno dei primi passi da affrontare è trovare casa
  • Scegliere un appartamento privato permette di avere maggiore autonomia rispetto ai collegi universitari (che richiedono il rispetto delle regole imposte, come per esempio, in alcuni casi, il rientro entro un certo orario la sera), ma dovrai occuparti della gestione della casa e delle spese
  • Le residenze universitarie (o collegi) sono strutture pensate per ospitare gli studenti fuori sede in stanze singole o doppie. Offrono servizi come locali cucina, sale studio e computer con accesso Internet, fotocopiatrici, emeroteche, palestre, la fornitura e il cambio periodico della biancheria, etc.