Mettiamoci in Con-Tatto. Ecco la chat per il sostegno psicologico ai giovani umbri

896
Con-Tatto! Covid19

Cari ragazzi.

Parlo con voi per noi. In questo periodo di incertezza ci troviamo chiusi nelle nostre case e non sappiamo cosa ci aspetta il domani e quale nuovo decreto emanerà Conte. Un’incertezza che viene alimentata giorno per giorno, alla quale non sappiamo come rispondere. Bene, la bella notizia è che qualcuno risponde. Questo qualcuno è la dottoressa Roberta Alagna, coordinatrice dell’attività di promozione della salute del distretto di Perugia nonché psicologa e psicoterapeuta dell’USL Umbria 1 e attualmente responsabile del progetto ConTatto – Covid19. 

Habemus Chat! 

La dottoressa ha riflettuto molto su come sia possibile promuovere la salute e la psicoterapia vis a vis in questa situazione di emergenza, con l’interruzione dei progetti che erano in atto e la conseguente necessità di rimodulare l’attività di sostegno psicologico. L’idea è arrivata. Prendendo spunto da YAU – La chat che ti ascolta, un progetto seguito da tutor e da peer del CSG, ha pensato di creare una chat per i ragazzi che volessero esprimere i propri pensieri, i propri dubbi, in cui potessero sentirsi a proprio agio in particolare in questa situazione presente di emergenza. La chat è un contenitore di pensieri, paure, riflessioni, ansie inevitabili e inevitabilmente amplificati. 

L’idea è stata accolta con piacere dal Centro Servizi Giovani di Perugia, con il quale la dottoressa collabora già da tempo e con il quale ha instaurato un feeling duraturo. È proprio il CSG ad aver dato vita digitalmente alla chat Telegram con il supporto dell’USL Umbria 1. Incrociando gli orari sarà possibile parlare con YAU il martedì dalle 15:30 alle 17:30 e il venerdì dalle 17 alle 19  e ConTatto il lunedì, mercoledì, giovedì e sabato dalle 15 alle 17. Ai nostri messaggi risponderà uno psicologo pronto all’ascolto. 

ConTatto è una chat di ascolto che risponde ai bisogni di noi ragazzi (fino ai 27 anni) che ci troviamo in una situazione di disagio, avendo un contagiato in casa o essendo noi il contagiato relegato tra la camera e il bagno senza avere contatti con i nostri affetti. ConTatto è aperta a noi che abbiamo la paura che questo periodo possa prolungarsi più del previsto. È rivolta a noi che abbiamo mille domande nella nostra testa. 

“Nella chat – assicura la dottoressa Alagna – è garantita la riservatezza di ognuno dei partecipanti e ogni ragazzo è libero di dire ciò che desidera e tutto quello che gli viene in mente, perché tutto ha importanza. Dall’altro lato ci sarà un professionista che può essere di sostegno in questo periodo complesso”. 

Valentina Proietti