Favole al telefono. L’associazione Medem in soccorso ai più piccoli

1167

Inutile negarlo, dopo circa quindici giorni dalla chiusura delle scuole, rimanere in casa può diventare frustrante, specie per i più piccoli e per coloro che se ne prendono cura.
L’associazione culturale e compagnia teatrale Medem di Città di Castello ci viene in soccorso con l’iniziativa Favole al telefono, grazie alla quale le famiglie umbre e non solo hanno la possibilità di richiedere una favola per telefono per i propri piccoli. L’iniziativa prende il nome dal libro di Gianni Rodari, di cui proprio quest’anno ricorre il centenario della nascita, ed è per questo inserita all’interno del calendario ufficiale delle celebrazioni.

Dalla pagina Facebook dell’associazione si legge: “Per restare vicino alla sua bambina anche quando era lontano da casa, il ragionier Bianchi, protagonista dell’incipit di Favole al telefono di Gianni Rodari, le telefonava ogni sera per raccontarle una storia. Sono storie tutte un po’ corte: per forza, il ragionier Bianchi pagava il telefono di tasca sua, non poteva fare telefonate troppo lunghe. Ma quando il signor Bianchi chiamava la figlia le signorine del centralino sospendevano tutte le telefonate per ascoltare le sue storie”.

L’iniziativa, resa possibile grazie alla collaborazione a titolo gratuito di lettori volontari della compagnia teatrale, prende spunto da un progetto simile di Damatrà Onlus, dal Friuli Venezia Giulia, e ha l’intento di sollevare gli animi in un momento così delicato e riscoprire inoltre la bellezza di una favola raccontata, ma in un modo un po’ insolito: per telefono. “Una favola al telefono è un bel modo per sentirsi più vicini, soprattutto in questo momento, è un modo per esserci per gli altri e gustare il piacere di leggere e raccontare storie come e più di sempre”, si legge nel comunicato stampa presente sul sito ufficiale.

Tante sono le richieste che a partire da sabato scorso l’associazione ha ricevuto e che potrà ricevere fino a mercoledì 18 marzo. Perugia, Marsciano, Corciano, Massa Martana, Todi, Terni, Tuoro, ma anche Bergamo, Roma, Venezia e tante altre città. Il tutto è reso possibile anche grazie alla collaborazione con altre associazioni del territorio, come Malakos, La Sarabanda Teatro di Perugia e il Laboratorio TeASTRAle di San Giustino.
Per richiedere una favola basta inviare un messaggio via WhatsApp al numero 3931492045, indicando:
– nome del bambino/bambina per cui si richiede la favola;
– età del bambino/bambina;
– città da cui proviene la richiesta;
– eventuali preferenze di date e orari.

I bambini più fortunati potranno ricevere la chiamata da alcuni importanti personaggi che si sono messi a disposizione per regalare momenti speciali in giornate un po’ particolari.

Eleonora Proietti Costa