Catania-Perugia solo andata

178
Volo Andata
Pronti a volare

È difficile lasciare la propria casa e trasferirsi in una città lontana. Voglio raccontarvi la storia di Ester, che dalla Sicilia ha avuto il coraggio di prendere la sua valigia, riempirla con il necessario e partire per una nuova avventura. Ho incontrato Ester in un bar e durante un aperitivo mi ha raccontato la sua storia. Mi ha raccontato quanto fosse stato difficile lasciare la sua casa, i suoi genitori e tutti i suoi amici, a soli 19 anni. Tutto ciò per costruirsi una vita migliore e inseguire quell’ideale di futuro che tanto desiderava e desidera tutt’ora. Ha scelto Perugia come meta, ma precisamente non sa nemmeno lei il perché, è stato semplicemente l’istinto a scegliere per lei in un pomeriggio dal parrucchiere.

Guardandosi allo specchio ha preso una

Ester Pagano

delle decisioni più rivoluzionarie della sua vita. Stare lontano da casa comporta una serie di conseguenze più o meno belle, come non essere aggiornata su ciò che avviene in famiglia per paura di farla preoccupare, come non poter esser stata vicino a suo padre quando ne aveva bisogno, il rapporto con i suoi amici storici che con il tempo è cambiato. Mi racconta con dispiacere cosa pensano di lei, del fatto che credono che a lei non interessi minimamente costruirsi un futuro proprio, ma vuole vivere con i soldi dei suoi genitori, fregandosene di tutto, quando in realtà non riescono a guardare la vera faccia della medaglia e a capire quanto sia difficile essersi allontanata da casa così giovane.

Nella nostra vita iniziamo molto presto a fare delle scelte anche se forse non ne siamo pienamente in grado, certe volte può andarci bene e altre volte può andarci male. La scelta di Ester è stata certamente rivoluzionaria, come lei tantissimi altri ragazzi emigrano pur di studiare, ed è proprio questo che affascina di più. Alla mia domanda “Cosa pensi di Perugia?” lei non ha esitato un solo istante a rispondermi, “è la città della cultura”, una città in cui si incontrano ragazzi da ogni parte del mondo e che hanno un obiettivo che li accomuna: la cultura. Ebbene si, molto spesso i nostri occhi sono troppi chiusi per vedere quello che abbiamo di fronte e proprio da questa affermazione siamo partite per descrivere una città piena di opportunità, di gioia, di vitalità e di allegria, che nonostante le fredde serate d’inverno sa accoglierti e abbracciarti, insieme a un bel bicchiere di birra e in buona compagnia.

Una difficoltà minore che ha riscontrato nei primi tempi e sulla quale ci siamo trovate abbastanza in accordo è il comportamento dei perugini, che non è certo molto accogliente, ma anzi hanno un non so che di innato nel loro inconscio che tende ad allontanare le persone. Le sue prime amicizie sono state con un finlandese, una siciliana e un’equadoriana, proprio a dimostrazione del fatto che non è riuscita a legare bene con gli umbri, perché non hanno quel senso dell’umorismo a cui lei era abituata e come mi ha detto “dovevo stare attenta a quello che dicevo e a come lo dicevo per paura di essere guardata male”. Ora le cose sono cambiate e mano a mano si sta integrando sempre di più e socializzare diventa più facile, stava tutto nel capire la mente umbra, che, nonostante siamo giovani, è ancora un po’ chiusa.

Università per Stranieri di Perugia
Università per Stranieri di Perugia

Ha avuto la fortuna di trovare la comunità evangelica che l’ha accolta e l’ha confortata quando ne aveva più bisogno, che l’aiuta e non la fa di certo sentire sola. I vari impegni con la Chiesa le permettono di abbandonare per un po’ la solitudine che prova quando torna a casa, una solitudine mischiata a nostalgia che si fa sentire ogni domenica sera e che incessante non l’abbandona.

Siamo a Perugia per imparare, per divertirci, per conoscere, per scoprire, ma soprattutto per crescere. Dobbiamo farlo con le nostre gambe per camminare verso un futuro migliore che ci renda felici e che possa essere d’aiuto agli altri. È la città che ha fatto crescere Ester e le ha permesso di diventare quello che è ora. Questo è l’unico scopo di noi giovani: avere il coraggio di avventurarsi in nuove esperienze e uscirne rafforzati e non lasciarsi mai abbattere dalle difficoltà.

Valentina Proietti