Amàti, curàti, rispettàti

207

Si è tenuto da domenica 13 ottobre fino a sabato 19 tra Sant’Angelo di Celle, San Nicolò di Celle e Deruta la prima edizione di “Vivi Davvero 3.0 – amàti, curàti, rispettàti”, manifestazione promossa dal Comune di Deruta e dalla cooperativa sociale Nuova Dimensione. Durante tutta la settimana è stato anche aperto per un open-day il Nido d’Argento, centro diurno per anziani con particolari patologie, come demenza senile o Alzheimer.

Il primo evento c’è stato domenica, in occasione della giornata nazionale del camminare. Si trattava del “Piedibus del ben-essere speciale: da celle a celle”. Un percorso a piedi ad anello con partenza alle 10 da Piazza Ugolini a Sant’Angelo arrivando a San Nicolò per poi tornare indietro. Durante la camminata ci sono state varie soste in cui Roberto Lucaroni dell’associazione Anima Lieve ha parlato di storia e tradizione delle due piccole frazioni del Comune di Deruta. “Il Progetto era curato dalla dottoressa dell’USL Erminia Battista e l’idea era quella di creare un percorso condiviso di conoscenza del territorio che viene vissuto dall’intera comunità, dai più grandi ai più piccoli, dalle scuole alle famiglie alle parrocchie. Come dice lo slogan stesso ‘camminando insieme si costruisce la salute’”, spiega Monia Boccali, referente per la comunicazione di Nuova Dimensione e coordinatrice dell’evento. Al termine della mattinata c’è stato un pic-nic con pranzo al sacco al prato del sole e nel pomeriggio il Deruta volley ha organizzato dei giochi per i ragazzi e l’associazione le CreaAmiche ha preparato due attività laboratoriali riservate ai bambini.
“L’evento è andato molto bene, hanno partecipato più di 100 persone di tutte le età tra cui anche molte associazioni. Molto bella tutta la giornata, in particolare la mattina con la camminata e con l’esibizione del coro Girolamo di Deruta al castello di San Nicolò di Celle con la successiva dimostrazione dell’antica tradizione dei sediari. Bilancio molto positivo visto anche che era la prima volta di un’attività del genere nella Media Valle del Tevere”, commenta la stessa Monia.

Il secondo evento di questo “Vivi davvero 3.0” si è invece tenuto giovedì 17 ottobre alle 17 con uno spettacolo dal titolo Operazione Salvanido a cura dell’equipe degli ospiti del centro diurno Nido d’Argento di Sant’Angelo di Celle.
“Si è trattato di uno spettacolo che è partito da un fatto totalmente inventato ma il resto è frutto di un progetto condotto per tutto l’anno dall’intera squadra del centro riproducendo sul palcoscenico quella che è la quotidianità del Nido d’Argento. Anche gli ospiti che sono malati di Alzheimer o demenza senile quando si sono trovati sul palco hanno interagito in maniera molto sicura visto che lì veniva ricreato tutto il contesto. Siamo quindi soddisfatti sia per la rappresentazione molto intensa e commovente e sia per la partecipazione numerosa del pubblico nonostante l’orario pomeridiano e infrasettimanale”, ci spiega Rosa Berardi, educatore dell’equipe del Nido d’Argento.
Al termine dello spettacolo alle 19 in un ristorante a Deruta si è tenuto l’“Educational Food”, una sorta di percorso di accompagnamento alla degustazione dei cibi in collaborazione con Antonio Andreani dell’Università dei Sapori di Perugia.

L’evento si è concluso sabato 19 ottobre con la cena convegno sul tema “Longevità e qualità della vita”, al quale hanno partecipato i medici Serena Amici, Carmelinda Ruggiero, Elisa Reginato ed Eleonora Cirinei, che hanno parlato in maniera chiara e precisa dei diversi aspetti degli stili di vita salutari per poter avere una buona qualità della vita.

“Il Comune di Deruta e Nuova Dimensione ringraziano tutte le istituzioni, le realtà associative e i soggetti che hanno collaborato alla realizzazione dell’evento. Un successo straordinario su un tema che ci sta così a cuore come quello della cura e del sostegno delle persone anziane”, dichiara molto felice ed entusiasta Cristina Canuti, assessore alle politiche sociali del Comune di Deruta.

Marco Schiavoni