5 luoghi segreti dove fare foto top a Perugia

165

Il centro di Perugia è conosciuto da tutti per le sue bellezze artistiche e i suoi panorami incantevoli. Da corso Vannucci alla Fontana Maggiore, il Duomo, Palazzo dei Priori e il belvedere di viale Indipendenza. Tutti luoghi che fanno innamorare i turisti che li vedono per la prima volta e rendono orgogliosi gli abitanti. Ma oltre a questi posti più famosi, dove le persone si accalcano per fare una foto ricordo, quali altri scorci nascosti e altrettanto meritevoli nasconde il centro di Perugia? Qui ve ne consigliamo ben cinque, parola di Instagramer!

1) Il balcone fiorito di viale Indipendenza

Se non si è attenti, questo balcone rischia di passare inosservato data la sua posizione, un po’ defilato e nascosto dietro la curva di viale Indipendenza. Per ammirarlo vi consigliamo una passeggiata per i giardini “Rosa e Cecilia Caselli Moretti”, vicino la chiesa di sant’Ercolano. Il balcone vi stupirà per com’è fiorito e ben tenuto e, se avrete fortuna, potrete anche parlare con la proprietaria.

 

 

 

2) I murales di via della Viola

Questa è la via degli artisti del centro storico di Perugia. Oltre a essere piena di eventi, locali e posti dove passare una piacevole serata, è stata pian piano abbellita dagli abitanti con opere e installazioni artistiche: dai murales sparsi lungo la via all’immensa chiave sospesa dove finisce via Cartolari (sotto questa chiave, se avete fortuna, potete trovare parcheggiata una 500 o un piccolo van rosso, che per le foto è perfetto).

 

 

3) Via delle Prome

Forse è il consiglio più banale di questa rubrica, ma solo se vi fermate al panorama dal belvedere. Scendendo infatti potrete avere delle bellissime prospettive non solo sul paesaggio e sulla città, ma anche sulle scale stesse! Senza contare che si nasconde una realtà interessante, l’esperienza dell’associazione Orto Sole!

 

 

 

4) La Galleria Nazionale

Il museo più importante della città, ospita al suo interno tantissime opere di spessore, da Piero della Francesca al Perugino. Ma c’è una sala al suo interno che richiama quella di un museo ben più famoso, il Museo d’Orsay. Nella Sala dell’Orologio, infatti, potrete sedervi sul retro di quell’orologio che vedete incastonato sulla facciata di Palazzo dei Priori, proprio sopra l’arco di via dei Priori.

 

 

5) A spasso per Corso Garibaldi: la via per il Cassero

Corso Garibaldi è una zona purtroppo poco frequentata dai turisti, dal momento che rimane fuori dai tour classici. Eppure qui si può visitare una delle chiese più belle della città: la chiesa di San Michele Arcangelo, conosciuta dai più come “il tempietto di Sant’Angelo”. Un luogo davvero fuori dal tempo, con il bellissimo prato antistante la chiesa. Da qui, seguendo le mura, sicuramente vedrete il Cassero, una delle porte medievali meglio conservate della città. La via che dal tempietto porta al Cassero offre delle prospettive davvero interessanti, soprattutto in primavera quando fiorisce quel glicine che cresce beato sulla recinzione.

 

BONUS: la porta murata

Sempre lungo corso Garibaldi, c’è un piccolo cortile che passerebbe inosservato, se non fosse per la… Porta murata! Ci troviamo tra il civico 47 e il 49. Una stretta via porta in questo piccolo cortile dove campeggia solitario un portale murato. Come potete vedere, non doveva essere stato una semplice porta, ma un ingresso per qualche palazzo importante. Oggi rimane così, ma per una foto in posa è davvero una location interessante!

 

 

Alessandro Biti